Buccellato: il principe povero della pasticceria lucchese – Ekiros Buccellato: il principe povero della pasticceria lucchese - Ekiros

Buccellato

Il principe povero della pasticceria lucchese

Farina, lievito, anice e uvetta sono gli ingredienti principali del protagonista indiscusso della pasticceria lucchese. Un dolce povero e dalla storia antica che non devi perderti se visiti Lucca. Ecco la sua storia e dove mangiarlo!

Buccellato: il dolce tipico di Lucca

Protagonista indiscusso della pasticceria lucchese è il buccellato, un dolce povero e dagli ingredienti semplici. Da non confondere con quello siciliano ben più ricco e articolato, il buccellato lucchese è un pane dolce a forma di ciambella o di filino aromatizzato con semi di anice e uva passa. Una leggera spennellata di albume e zucchero dà poi alla crosta quel colorito bruno tipico del dolce, come anche il taglio applicato sul dorso per favorirne la lievitazione.

Il buccellato lucchese nei suoi due formati, a ciambella e a filino

La storia del dolce

Il buccellato lo troviamo già in un documento del 1485, e sono gli atti del processo di una donna che aveva ucciso il marito. Indovinate con cosa? Con un buccellato avvelenato!

Nel 1578 doveva già essere un dolce supergettonato se la Repubblica di Lucca impone una tassa sulla sua vendita. I ricavati dell’imposta serviranno a ricostruire gli argini del fiume Serchio.

Ma il nome del dolce tipico lucchese sembra essere ancora più antico della sua ricetta. Dal latino buccella, boccone, nell’Antica Roma il buccellatum era una specie di galletta di grano che i legionari romani consumavano accompagnandola con aceto e lardo, mentre nel Medioevo passa a designare una corona di pane costituita da tanti panini, da tanti bocconi.

Il buccellato lucchese nasce infatti come un dolce tipicamente a ciambella. Quello circolare era un formato pratico che permetteva di portare a casa anche più dolci senza buste o incartamenti, semplicemente indossandoli come bracciali.

Tipico dolce domenicale anche per le famiglie meno abbienti, era venduto dagli ambulanti nella Piazza del Duomo, per permettere a chi usciva dalla messa di mettere in tavola un po’ di buccellato fresco.

Oggi accanto alla tradizionale ciambella troviamo anche il filino, un formato moderno che permette di essere confezionato e imbustato più agevolmente.

pasticceria taddeucci - visita del principe Carlo
Il Principe Carlo d'Inghilterra visita la Pasticceria Taddeucci per assaggiare la specialità della casa

Dove mangiare il buccellato a Lucca

Recita un vecchio detto lucchese: chi vien a Lucca e ‘un mangia il buccellato è come s‘un ci fosse ma’ istato. Insomma, se ti trovi a Lucca non puoi non assaggiare una fetta di buccellato!

Lo trovi un po’ in tutte le pasticcerie e i panifici, ma mi permetto di consigliarti un posto in particolare: si tratta della pasticceria Taddeucci in piazza San Michele, una vera istituzione in materia di buccellato.

Taddeucci, lo dice l’insegna, nasce come Fabbrica del Buccellato ed è gestita dalla stessa famiglia dal lontano 1881. Oltre a essere un luogo storico e pluripremiato (sulle pareti potrai vedere numerose dediche e foto di ospiti illustri, tra cui papa Giovanni Paolo II e il principe Charles), effettivamente la pasticceria Taddeucci produce ancora il buccellato migliore di tutta Lucca. Che dipenda dal suo lievito madre? Dicono i proprietari che lo tengono in vita da quasi 140 anni, da quando Jacopo Taddeucci impastò la prima ciambella.

Come mangiare il buccellato lucchese

Se decidi di acquistare del buccellato, sappi che, come il pane, questo dolce dà il suo meglio quando è appena sfornato, anche se non mancano alcune ricette per gustarlo dopo qualche giorno quando ormai è raffermo (o posato, come si dice qui).

Se non ti piace inzuppato nel Vin Santo puoi provare a tostarlo accompagnandolo con una golosa crema pasticcera o al mascarpone. Ti intriga l’abbinamento dolce-salato? Potresti osare accompagnandolo con dell’affettato o del formaggio.

pasticceria taddeucci -antico detto luchhese
Una rivisitazione commerciale dell'antico detto luccchese nella pasticceria Taddeucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ekiros - Viola Fiorentino - Guida Turistica

Benvenuto sul mio blog. Ho creato questo spazio per condividere con te curiosità, dritte e ricette della Toscana che conosco meglio. Buona lettura!

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp
Contattami

info@ekiros.com

+39 327 6611500

Seguimi
I miei tour a Lucca
torta co bischeri - dolce tipico del pisano

Torta co’ bischeri: storia e ricetta del dolce pisano

Anche tu pensi che i dolci toscani siano poveri e poco generosi? Ti presento la torta co’ bischeri, una crostata dal ricco ripieno di cioccolata, riso, pinoli e canditi. Un dolce che nasce a Pontasserchio secoli fa e la cui ricetta è tramandata dalle famiglie locali. … Read More